Dallo Zilina alla minaccia PSG, Skriniar baluardo dell’Inter

0
22

Il difensore centrale slovacco è maturato tanto nel corso della sua esperienza in nerazzurro, ora è forte la pressione del PSG e potrebbe partire

Gli esordi della carriera di Milan Skriniar nel calcio professionistico sono stati piuttosto lineari come spesso accade per buona parte dei calciatori europei. Ma quel che lo ha fatto ascendere all’Olimpo dei migliori difensori del continente sono stati spirito di sacrificio, duro lavoro e determinazione.

Milan Skriniar ©LaPresse

Maturato nelle giovanili dell’MSK Zilina, club militante nella Superliga slovacca, con il quale ha anche esordito e per il quale ha giocato fino al 2016, Skiniar non avrebbe mai immaginato che il suo destino sarebbe stato legato indissolubilmente al calcio italiano. Lui che inizialmente giocava come attaccante a 100 chilometri da casa, lontano dagli affetti, sognando le prodezze del connazionale Skrtel, ex difensore del Liverpool. Ed è proprio dalla sua prima esperienza con la maglia della Sampdoria che il suo ruolo muta profondamente: dotato di una buona tecnica di base ma soprattutto grande prestanza fisica ed incisività nel gioco aereo, viene prima arretrato a mediano per poi essere impiegato come fluidificante e centrale di difesa.

Non a caso, dopo le 35 partite disputate nella sua prima stagione in Serie A, l’Inter affonda il colpo da 30 milioni di euro. Alla scelta del numero di maglia decide di fiondarsi sul 37 perché composto dal 3, che lo ha accompagnato sin dagli inizi, ed il 17, suo preferito. Il rendimento dello slovacco in nerazzurro appare crescente, tanto che si conferma titolare nel corso delle stagioni successive. Persino sotto la guida di Conte, in un nuovo sistema difensivo a 3 e nonostante le prime difficoltà nell’adattamento, riesce a superarsi fino a raggiungere la vittoria dello Scudetto. Non risentendo dell’avvicendamento di Inzaghi sulla panchina, il calciatore sorprende nell’ultima stagione disputata con la vittoria di Coppa Italia e Supercoppa. A mani basse può oggi essere considerato tra i migliori del campionato nel suo ruolo assieme a de Ligt, Koulibaly, Tomori e Bremer.

L’ascensione all’Olimpo, il PSG attende Skriniar

Milan Skriniar ©LaPresse

Questa serie rimarchevole di successi non ha fatto altro che attirare già da tempo le attenzioni di top club europei alle spalle di Skriniar. Sebbene il calciatore abbia da sempre espresso ammirazione ed amore per i colori nerazzurri che ancora oggi difende, è probabile che il suo destino con questi stessi colori possa cambiare molto presto. Il PSG insiste sull’apertura di una trattativa con l’Inter ed il club di Viale della Liberazione avrebbe bisogno di nuove entrate per accogliere i nuovi arrivi. Può suonare strano che proprio uno come Skiniar sia sul piatto dei sacrificabili, eppure quando ne va di mezzo il bene supremo qualsiasi scelta sarà sempre quella giusta.