È l’ossessione di Conte: firma e 70 milioni per portarlo via all’Inter

0
80

Il tecnico dell’ultimo Scudetto nerazzurro dovrebbe rinnovare il contratto col Tottenham in scadenza a fine stagione

Conte non lascia, anzi raddoppia. Altro che ritorno alla Juventus, il tecnico dell’ultimo Scudetto dell’Inter dovrebbe alla fine rimanere al Tottenham prolungando di almeno altri due anni il contratto in scadenza a giugno prossimo.

conte bastoni
Antonio Conte ©LaPresse

A conferma della probabile firma del salentino, i nuovi rumors di calciomercato con alcuni degli obiettivi di gennaio e dell’estate che verrà – veri e presunti – del club londinese. Tutti, però, su indicazione di Conte che ha fatto e continuerebbe a fare affidamento su Paratici – anche lui al centro del ‘terremoto’ bianconero per la questione delle plusvalenze farlocche – per cercare di avvicinarsi alle due top della Premier, Liverpool e soprattutto Manchester City.

A proposito di obiettivi, uno è certo che sia nella sua ex Inter, trascinata alla conquista del Tricolore nella stagione 2020/2021 dopo dieci anni di astinenza. Il calciatore in questione è di quelli importanti, in teoria fra coloro che rappresenterà il club nerazzurro anche negli anni a venire, tuttavia sappiamo che per ragioni finanziarie la società di viale della Liberazione non può fare ‘prigionieri’. Nessuno è davvero incedibile, specie di fronte a proposte irrifiutabili.

Calciomercato Inter, Bastoni l’ossessione di Conte: il rinnovo cambia tutto

Servirebbe proprio un’offerta fuori mercato per strappare Bastoni all’Inter. Il centrale classe ’99 fu lanciato in pianta stabile dallo stesso Conte, come noto ancora a caccia di un mancino di livello per la sua difesa a tre.

bastoni tottenham
Bastoni in azione ©LaPresse

Con Gvardiol verso il Chelsea, ma occhio al possibile inserimento del Real Madrid, a giugno il Tottenham può davvero tornare alla carica per Bastoni, in scadenza nel 2024. Marotta e Ausilio hanno però intenzione di rinnovargli il contratto fino probabilmente a giugno 2027 e con annesso aumento di stipendio ad altezza Barella (4,5-5 milioni).

Ricordiamo che i rapporti con l’agente Tinti (lo stesso di Inzaghi e Darmian, lui a un passo dal prolungamento) sono eccellenti, quindi in caso di firma, per la cessione del cartellino del ragazzo cresciuto nel vivaio dell’Atalanta non basterebbero più i 55-60 milioni di sei mesi fa. È probabile, per non dire certo che ce ne vorrebbero almeno 70 per far vacillare i dirigenti, forti pure della volontà del ragazzo – “l’ossessione di Conte”, come scrive ‘fichajes.net’ – di rimanere a Milano. Su Bastoni ci sono pure Manchester United, Chelsea e Bayern Monaco, ciò significa che per lui tra giugno e agosto prossimi potrebbe scatenarsi un’asta.