Koulibaly all’Inter: lo scambio è clamoroso

0
929

Kalidou Koulibaly all’Inter? Il clamoroso accostamento fra il gigante senegalese e la maglia nerazzurra lascia a bocca aperta i tifosi. Il Chelsea potrebbe aver in mente uno scambio epocale

Davvero Koulibaly potrebbe tornare in Italia per vestire la maglia dell’Inter? La suggestione giunge improvvisa dalle pagine de La Repubblica, e in pochi minuti ha alimentato tantissime discussioni sui social.

Koulibaly all'Inter: lo scambio è clamoroso
Koulibaly ©LaPresse

Secondo il quotidiano, se Milan Skriniar non dovesse rinnovare, Beppe Marotta potrebbe bussare alla porta del Chelsea per chiedere Koulibaly. Si sa che Simone Inzaghi è da sempre innamorato del senegalese con cittadinanza francese. Ed è anche noto che fra Kalodou e il Chelsea non sia mai scoccata la vera scintilla. Da quando ha lasciato Napoli, il difensore centrale sembra un altro: più svogliato, meno preciso e incisivo. Quindi, sempre secondo La Repubblica, Marotta potrebbe sfruttare gli ottimi rapporti in essere con il club londinese e imbastire un nuovo affare. I Blues, stavolta, non vogliono fare regale, né ragalini. E allora, non si tratterebbe per un prestito a condizioni più o meno vantaggiose, come nel caso di Romelu Lukaku

Verosimilmente il Chelsea potrebbe offrire Koulibaly all’Inter a gennaio, o con più probabilità d’estate per arrivare a Denzel Dumfries, dato che le valutazioni fra i due giocatori sono simili. In questo modo gli inglesi otterrebbero il terzino potente a lungo inseguito e l’Inter potrebbe rinforzare il reparto difensivo con un peso massimo nella malaugurata ipotesi che Milan Skriniar passi al PSG o non rinnovi.

Koulibaly all’Inter e Dumfries al Chelsea

Per Skriniar la situazione attuale, così come illustrato in questo nostro articolo precedente, è di sostanziale stallo: i dirigenti nerazzurri hanno presentato una generosa offerta allo slovacco e ora attendono una risposta. Skriniar, però, vuole pensarci su con calma, e sta dunque prendendo tempo, proprio come fece Marcelo Brozovic tempo fa.

Skriniar rinnovo
Skriniar ©LaPresse

Il PSG osserva con il solito indiscreto interesse, per ora da lontano, forte della possibilità di raddoppiare, se è il caso, l’ingaggio al giocatore, o comunque di farlo crescere di due o tre milioni a stagione. Marotta, a ogni modo, pare sia ancora ottimista. Crede che il rinnovo si farà-

E allora che senso ha la suggestione Koulibaly? Probabilmente Beppe Marotta vuole mostrare all’ambiente e a Skriniar che l’Inter non si sente messa all’angolo e che ha comunque la possibilità di trovare un sostituto all’altezza. Tuttavia, al di là delle notizie riportate da La Repubblica, l’affare in sé con il Chelsea appare poco probabile. Ci sono due problemi importanti. Il primo è che l’Inter dalla cessione di Denzel Dumfries pretende liquidi e non giocatori. Il secondo è che KK prende un ingaggio altissimo, che l’Inter non ha la volontà né la possibilità di corrispondere.

Quindi, se davvero dovesse arrivare una proposta di scambio da parte del Chelsea, l’Inter direbbe di no, e magari spiegherebbe che da Dumfries vuole incassare. Repubblica forza dunque un po’ i termini nel momento in cui indica Kalidou Koulibaly come possibile scelta dell’Inter nel caso in cui Skriniar non dovesse rinnovare il contratto.

Tra Smalling e Kiwior

Sempre La Repubblica corregge nello stesso articolo il tiro, facendo altri due nomi forse più credibili in chiave mercato nerazzurro. Due nomi sempre per la difesa… Uno a costo zero, l’altro che potrebbe comportare una spesa più elevata del previsto.

Affare Smalling Inter
Smalling ©LaPresse

Il primo dei due nomi è noto, ed è quello di Chris Smalling, che è anche lui in scadenza di contratto con la Roma e che avrebbe piacere a giocare nell’Inter. L’altro nome, in realtà più suggestivo anche per questioni anagrafiche (ha ventidue anni), è quello di Jakub Kiwior, il difensore dello Spezia che ha stupito molti durante il Mondiale con la maglia della Polonia.

Jukub, però, è valutato 15 milioni, che l’Inter non vuole e non può spendere. E poi, sul ragazzo, c’è già parecchia concorrenza. Proprio in vista dell’addio a Smalling, la Roma sta da tempo seguendo il polacco, e ha molta più libertà di manovra rispetto ai nerazzurri.