Via dalla Saudi League: strada aperta per il prossimo colpo nerazzurro

Eccolo qui il primo caso che potrebbe dar forma a un trend: il centrocampista va via dalla Saudi Pro League

Beppe Marotta, in Arabia Saudita, potrebbe star studiando il caso Henderson. Un fatto che ha suscitato l’interesse di vari top-club europei, fra cui l’Inter… Jordan Henderson ha spiegato che la sua decisione di lasciare l’Al-Ettifaq, ricco club saudita che gli versava 35 milioni di ingaggio, dipende da questioni puramente calcistiche. Voleva tornare a giocare in Europa, il centrocampista. E per questo ha scelto di accordarsi con l’Ajax. Secondo voci non confermate, però, Henderson si sarebbe pentito subito di aver scelto di trasferirsi in Arabia, anche per questioni familiari ed esistenziali.

Marotta studia il caso Henderson
Beppe Marotta (LaPresse) – interlive.it

I soldi non sono tutto. Specie per chi ama davvero il calcio. Henderson ha voluto spiegare che in Arabia Saudita non si è trovato così male. Ha detto anche di nutrire ancora molto rispetto per il campionato saudita. Eppure è voluto scappar via…

Henderson si era trasferito all’Al-Ettifaq dal Liverpool l’estate scorsa, con un contratto di tre anni. La decisione di trasferirsi in Arabia Saudita, dove le relazioni tra persone dello stesso sesso sono osteggiate e giudicate illegali, aveva causato parecchie polemiche nel Regno Unito dato che, in precedenza, il centrocampista si era dichiarato un fiero sostenitore dei diritti LGBTQ+.

Al di là delle polemiche e delle vere ragioni che hanno spinto l’ex capitano del Liverpool ad andar via dalla Saudi Pro League, la notizia è importante perché rappresenta il primo caso di pentimento di un giocatore ingaggiato dai sauditi. E potrebbe essere un precedente in grado di far partire un contro-esodo.

Il caso Henderson: via dalla Saudi Pro League per tornare in Europa

L’ex capitano del Liverpool ha firmato per l’Ajax la settimana scorsa, dopo aver terminato la sua controversa permanenza in Arabia Saudita con l’Al-Ettifaq durata meno di sei mesi. Lo voleva anche la Juve, ma Henderson ha preferito accordarsi con i Lancieri…

Marotta studia il caso Henderson
Henderson, via in meno di sei mesi dalla Saudi Pro League (LaPresse) – interlive.it

Il trentatreenne sente di poter dare ancora qualcosa di importante al calcio europeo: in Arabia non era contento o non poteva esprimersi ai massimi livelli: non si divertiva più e non si sentiva stimolato.

E in Arabia giocano tanti altri campioni apparentemente scontenti del nuovo approdo. Fra questi ci sono anche giocatori che l’Inter ha seguito o continua a seguire. Per esempio Milinkovic-Savic.

Fondamentale, tutti i giocatori che vogliono continuare a giocare nelle loro Nazionali ed essere rispettati come grandi atleti potrebbero essere delusi dallo standard tecnico espresso dalla Pro League saudita.

Nonostante gli enormi investimenti, i club sauditi sono ancora poco competitivi. Anche la mossa di Henderson potrebbe essere stata determinata dalla volontà di essere convocato nella Nazionale britannica per Euro 2024.

Esperienza difficilmente replicabile

Quanti altri calciatori migrati in Arabia seguiranno l’esempio dell’inglese? Benzema, Milinkovic-Savic, Firmino e Neymar rinunceranno ai mega ingaggi sauditi per giocare in Champions o in un top campionato europeo? Sul serbo si vocifera di una clausola di rescissione da 20 milioni in caso di vittoria del campionato da parte dell’Al-Hilal.

Marotta studia il caso Henderson
Jordan Henderson (LaPresse) – interlive.it

L’avventura di Jordan Henderson all’Al-Ettifaq si è conclusa così presto perché l’ex capitano del Liverpool non si è mai ambientato in Arabia Saudita. Per tornare in Europa ha scelto di non incassare nemmeno un centesimo dell’ingaggio da 40 milioni di euro lordi che aveva firmato con il club saudita.

La regola vigente in Arabia Saudita impone che per beneficiare degli enormi stipendi offerti dai club (e per evitare di pagare gli alti tributi fiscali che lo Stato chiede, con aliquota fissa del 20% sul reddito) i giocatori debbano restare nel Paese per almeno due stagioni. In caso contrario, non è possibile godere di benefici fiscali.

Henderson, dunque, sciogliendo in anticipo il suo contratto avrebbe dovuto pagare parecchie tasse. Per non farlo ha rinunciato a tutto lo stipendio. In pratica ha giocato all’Al-Ettifaq gratis. Sembra difficile che altri campioni possano ragionare allo stesso modo

Il prossimo a uscire potrebbe essere Benzema. L’attaccante francese è tornato in ritardo dalle vacanze concesse dal suo club per la pausa nella Saudi Pro League. Poi è stato aspramente criticato dai tifosi e messo in pratica ai margini della squadra. Secondo più fonti avrebbe più manifestato la sua intenzione di cambiare aria. L’Al-Itthiad vorrebbe prestarlo a un altro club arabo, ma lui vorrebbe invece tornare in Europa. Magari al Lione.

Impostazioni privacy