Home Pagelle - I voti degli esperti Slavia Praga-Inter 1-3, Lukaku e Lautaro tengono in vita i nerazzurri

Slavia Praga-Inter 1-3, Lukaku e Lautaro tengono in vita i nerazzurri

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:58

Cronaca, tabellino, pagelle con top e flop del match Slavia Praga-Inter valevole per la quinta giornata della fase a gironi di Champions

slavia inter pagelle tabellino
Slavia Praga-Inter 1-3 (Getty Images)

L’Inter vince alla grande a Praga ma ora per avere la certezza di qualificarsi agli ottavi di Champions dovrà ripetersi contro il Barcellona martedì 10 dicembre a San Siro. Nel primo tempo lo Slavia comanda la partita, i nerazzurri si difendono pronti a ripartire affidandosi allo strapotere fisico di Lukaku. Prima del ventesimo proprio il belga raccoglie sulla trequarti avversaria, protegge il pallone dagli avversari che non riescono a buttarlo giù riuscendo a servire in mezzo Lautaro che si coordina bene e di controbalzo piazza il pallone sotto l’incrocio. Un quarto d’ora più tardi erroraccio in avvio azione di Coufal, ne approfitta l’argentino che contraccambia il favore regalando al compagno di reparto un facile pallone per il raddoppio. Ma a sorpresa l’arbitro viene richiamato al Var per controllare l’intervento in area di de Vrij su Olayinka nell’azione precedente: per Marciniak l’olandese ha commesso fallo, così annulla la rete di Lukaku e assegna il calcio di rigore in favore dei cechi che trasforma capitan Soucek. CLICCA QUI per le altre news sull’Inter che gioca un super secondo tempo, ma il pallone sembra non voler entrare: al ventesimo azione innescata da Lautaro e conclusa con il colpo di testa di Lukaku che va a stamparsi sulla traversa. Che prende poco dopo Brozovic con un tiro al volo dal limite. Poi Lautaro, lanciato da Lukaku, calcia fuori da pochi passi. Nel mezzo l’Inter rischia pure grosso, a salvarla è Handanovic sulla conclusione ravvicinata di Masopust. A otto dalla fine la fortuna gira dalla parte dei nerazzurri, che si scatenano: lancio di Lazaro, velo di Lautaro, Frydrych scivola e così Lukaku può andare da solo verso la porta; il belga salta Kolar in uscita e trasforma a porta vuota il suo primo gol in Champions con la maglia dell’Inter, un gol pesantissimo. Ma c’è il tempo per il tris, assist d’esterno di Lukaku per Lautaro, girata al volo dell’argentino e palla in rete, e per il poker del belga servito magistralmente da Skriniar che però viene annullato per fuorigioco. La coppia d’attacco interista fa scintille e ad essa Conte deve aggrapparsi per la sfida decisiva col Barça.

LEGGI ANCHE ->>> Inter, Marotta esalta Lautaro. Poi annuncio su Gabigol

LEGGI ANCHE ->>> Calciomercato, un patto tra Inter e Juventus: le ultime di InterLive

Pagelle e tabellino di Slavia Praga-Inter

slavia inter godin
Diego Godin tra i top di Slavia-Inter (Getty Images)

TOP

Lukaku – Prende in mano la squadra trascinandola verso la vittoria. Di gol ne fa tre, ma due gli vengono annullati. Prova magistrale, la migliore da quando è all’Inter. Da stasera le ‘vedove’ di Icardi saranno molte meno…

Lautaro – Fa male ogni volta che gli arriva il pallone, realizzando due reti magnifici. Suning si affretti a blindarlo con un ingaggio adeguato al suo valore.

Godin – Non sbaglia un intervento, un muro, e dà anche il via a molte azioni d’attacco come voluto da Conte. Si è visto finalmente il fuoriclasse che è.

FLOP

Biraghi – Troppo timido, dalla sua fascia l’Inter non sfonda mai. Si conferma anello debole della squadra

SLAVIA PRAGA-INTER 1-3
19′ e 88′ Lautaro, 36′ rig.Soucek, 81′ Lukaku

SLAVIA PRAGA (4-2-3-1): Kolar; Coufal, Kudela, Frydrych (83′ Takacs), Boril; Soucek, Husbauer (69′ Zeleny), Masopust, Stanciu (57′ Traore), Sevcik; Olayinka. A disp.: Markovic, Helal, Skoda, Van Buren. All.: Trpisovsky

INTER (3-5-2): Handanovic; Godin, De Vrij, Skriniar; Candreva, Vecino (79′ Esposito), Brozovic, Borja Valero (75′ Gagliardini), Biraghi (75′ Lazaro); Lukaku, Lautaro. A disp.: Padelli, Bastoni, D’Ambrosio, Politano. All.: Conte

ARBITRO: Marciniak (POL)

NOTE – Ammoniti: Vecino, Lautaro, Kudela, Conte

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Colpo Chiesa, l’Inter ha due ‘carte’ per superare la Juventus

Calciomercato Inter, Marotta scatenato: doppio scippo a Mourinho