Home News dal campo Juventus-Inter, Conte: un recupero e due assenze | Eriksen fuori

Juventus-Inter, Conte: un recupero e due assenze | Eriksen fuori

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:02

Le ultime news Inter si concentrano sul derby d’Italia contro la Juventus. Capitolo infortunati: Conte recupera Handanovic. Fuori Eriksen.

inter conte
Antonio Conte (Getty Images)

Manca solo l’ufficialità, ma il derby d’Italia tra Juventus e Inter dovrebbe essere recuperato domenica sera alle ore 20.45. Per la sfida dell’Allianz Stadium’ il tecnico nerazzurro Antonio Conte recupera il capitano Samir Handanovic che sarà regolarmente tra i pali. Sicuro assente invece Stefano Sensi, che a breve sosterrà un nuovo esame dopo quello della scorsa settimana per valutare a che punto sia la guarigione dello scafoide del piede sinistro. L’obiettivo è riaverlo in campo per la sfida al ‘suo’ Sassuolo a metà marzo. Più lunghi del previsto invece i tempi di recupero per Victor Moses che ha rimediato un risentimento muscolare alla coscia sinistra e potrebbe star fuori fino a fine mese.

LEGGI ANCHE >>> Inter, stagione a rischio: scenario shock. E la Coppa Italia…

Juventus-Inter, Conte ‘stoppa’ Eriksen: ancora panchina

Sta bene ma con ogni probabilità resterà fuori dall’undici iniziale contro la Juventus anche Christian Eriksen. Lo stop forzato a causa dell’emergenza coronavirus, ha dato l’opportunità al fantasista danese di capire meglio gli schemi di Conte e scalpita per scendere in campo nel big match, ma il tecnico salentino sembra intenzionato ad usarlo come arma a partita in corsa facendolo partire dalla panchina. Giovedì contro il Getafe in Europa League, invece, per lui è pronta una maglia da titolare.

LEGGI ANCHE >>> Serie A, Juve-Inter e non solo: il calendario dei recuperi

inter eriksen conte
Diretta Udinese Inter Live (Getty Images)

Sul fronte bianconero, invece, buone notizie per Maurizio Sarri. L’allenatore della Juve ritrova Chiellini in difesa, che non sarebbe stato convocato se si fosse giocato lo scorso week end.

LEGGI ANCHE >>> Inter, partite a porte chiuse: la reazione di Marotta