Minguella: “Messi sei mesi fa ha praticamente rotto ogni possibilità di rinnovo”

0
33

Inter, l’ex agente di Leo Messi Joseph Maria Minguella ha voluto dare il suo parere sulla situazione del calciatore argentino. Il procuratore ha spiegato che il giocatore aveva informato il club sei mesi prima di non voler rinnovare

calciomercato inter messi
Leo Messi (Getty Images)

INTER MESSI PARLA L’EX AGENTE/ L’ex agente di Leo Messi Josep Maria Minguella, ha parlato della situazione del calciatore argentino in un video su Youtube ripreso da il ‘Mundo Deportivo’. Queste le sue prime dichiarazioni: “Qualcuno ha suggerito che con il ritardo del campionato le date sono cambiate, ma con il passare del tempo ci sono contatti tra i due studi legali e oggi l’ufficio di Leo non è così chiaro sulla situazione. C’è il 90% di probabilità che Messi continui al Barça“. Il procuratore ha poi specificato: “Il contratto è ancora pienamente in vigore, non c’è stato alcun cambiamento nelle date quindi l’interpretazione della clausola limita al fatto che nessuna istituzione faccia un passo avanti per acquistare un giocatore dicendo che è libero, perché un giorno puoi avere la minaccia legale che devi pagare da un euro a 700 milioni. La FIFA, in caso di conflitto, darebbe al calciatore la possibilità di giocare per il suo nuovo club, ma il Barcellona potrebbe segnalare il giocatore per la duplicazione del contratto. Con la duplicazione dei contratti, se Messi inizia a giocare con un’altra squadra, e il Barça rivendica, la carriera di Messi sarebbe paralizzata. Questo fa pensare ai club interessati”.

CLICCA QUI per le altre news sui nerazzurri. Ma spunta un patto segreto.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Inter, offerta monstre per Zaniolo: la risposta della Roma

Comunque Minguella, ha anche informato che l’attaccante argentino aveva informato il club spagnolo di voler chiudere il suo rapporto ben sei mesi fa e di non rinnovare e infatti ha detto: “Sei mesi fa ha praticamente rotto ogni possibilità di riavvicinamento o rinnovo e lo ha annunciato al club. Sapevo che non avrebbe negoziato, che era stanco delle bugie“.