Juary: “L’Inter con Conte può fare veramente molto bene”

0
24

Inter, l’ex attaccante Juary era presente ad un evento e ne ha approfittato per parlare anche del campionato italiano che inizierà tra due settimane. L’ex giocatore vede positivamente la stagione per la squadra di Antonio Conte

Logo Inter
INTER JUARY INTERVISTA/ L’indimenticabile attaccante di Avellino, Inter e Porto, soprattutto per le sue esultanze intorno alla bandierina dopo un gol Jorge Juary, era presente alla conferenza stampa di presentazione del progetto Samba do Bellizzi, del quale è uno dei collaboratori. Durante l’evento ha avuto modo di parlare anche di Benevento e Inter che si sarebbero dovute affrontare nella prima giornata di campionato, ma l’incontro è stato spostato dopo la seconda giornata, il 30 settembre, su richiesta della squadra nerazzurra che ha terminato la scorsa stagione il 21 agosto, a causa dell’impegno nella competizione europea dove, unica italiana, ha disputato la finale di Europa League persa 3-2 contro il Siviglia. Gli hanno chiesto un paragone tra il suo Avellino del 1980-81 terminato decimo nonostante partisse da -5 e quello del 1981-82 addirittura ottavo in un campionato che aveva solo 16 squadre e non 20 come oggi e in merito ha dichiarato: “Impossibile, noi abbiamo fatto 10 anni di Serie A, ci siamo salvati con -5 e terremoto. Il Benevento penso che stia lavorando bene, penso possano salvarsi e riuscire in quello che abbiamo fatto noi”. Gli hanno domandato quale sarà la favorita per lo scudetto e lui ha risposto: “Penso resti la Juventus, anche se l’Inter con Conte può fare veramente molto bene. La Juve con Cristiano Ronaldo credo che è sempre avanti a tutti, sono più forti, poi dietro Inter e Napoli, credo che però sarà un gran campionato e occhio anche all’Atalanta“. Per le altre news sull’Inter  CLICCA QUI. 

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE:
Calciomercato Inter, irrompe Mourinho: 30 milioni di euro

L’ex attaccante ha giocato solo una stagione nell’Inter con 21 presenze in serie A e soli 2 gol. La soddisfazione più grande se la tolse con il Porto segnando il gol decisivo nella finale di Coppa Campioni del 1987, vinta dai portoghesi 2-1 in rimonta contro il Bayern Monaco.