Montanari: “L’avvio dei lavori del nuovo San Siro non arriverà prima di ottobre-novembre 2021”

0
34

Inter, il noto giornalista Andrea Montanari ha voluto dare tutte le delucidazioni riguardanti la situazione della costruzione del nuovo stadio. Ha confermato che sicuramente i lavori potrebbero iniziare non prima della fine dell’anno prossimo e che ci vorranno almeno tre anni

Panoramica del ‘Meazza’

INTER STADIO AGGIORNAMENTO/ Il noto giornalista di Milano & Finanza ed ex direttore nel 2017/18 del Tg1 Andrea Montanari, è stato intervistato da Milannews per dare un parere sulla situazione riguardante la costruzione del nuovo stadio, che le due società calcistiche milanesi hanno intenzione di costruire insieme. Queste le sue parole: “Il via libera definitivo per l’avvio dei lavori del nuovo San Siro non arriverà prima di ottobre-novembre 2021. Non per chissà quali intoppi burocratici, ma per tempi tecnici. A maggio-giugno del 2021 dovrebbe arrivare l’ok dalla conferenza delle Regioni in Lombardia. In tarda primavera, inoltre, ci saranno le elezioni comunali a Milano e potrebbe cambiare anche la Giunta. Da ottobre-novembre 2021, poi, ci vorranno tre anni per costruirlo. Una volta che ci sarà l’ok dalle autorità e il via libera all’avvio dei lavori, lo stadio e tutto il quartiere riqualificato diventeranno un asset – seppur a metà, perché in condivisione con l’Inter – spendibile in ottica di una futura cessione del Milan. Per un altro anno e mezzo-due, dunque, non è pensabile che Elliott si sganci dal club rossonero. Il ‘problema’ è che più passa il tempo e più aumentano le centinaia di milioni di euro versate a fondo perduto nel Milan e, quindi, si alza l’asticella del prezzo dell’eventuale vendita. Nessun club in Italia, però, ad eccezione forse della Juventus, vale un miliardo”.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Inter, vice Lukaku | Rispunta una vecchia pista
LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Inter | 85 milioni per Lautaro: tutti i dettagli
LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Inter, è tutto fatto per Vidal | A Milano per visite e firma

I nostalgici che al pensiero che lo stadio Giuseppe Meazza venga demolito si sentono male, possono stare tranquilli almeno fino al 2024/25 minimo.