Rueda: “Sanchez è stato visitato alla Clínica Meds, dove qualsiasi situazione complessa è stata esclusa”

0
55

Inter, il Ct del Cile Reinaldo Rueda ha voluto tranquillizzare i tifosi sulle condizioni di Alexis Sanchez. Dopo la visita di controllo alla Clinica Meds, non sono state riscontrate situazioni complesse sulle sue condizioni fisiche

Alexis Sanchez (Getty Images)

INTER CT CILE SU SANCHEZ/ Le notizie che arrivano dal Cile, sono fortunatamente meno gravi del previsto in merito alle condizioni di Alexis Sanchez, che ha terminato anzitempo l’allenamento di ieri. E’ stato il Ct della squadra sudamericana Reinaldo Rueda durante la conferenza stampa, a spiegare come sta il calciatore nerazzurro. Queste le sue dichiarazioni: “Alexis Sanchez si trascina un fastidio (muscolare ndr), ieri ha terminato anzitempo l’allenamento per precauzione e oggi è stato visitato alla Clínica Meds, dove qualsiasi situazione complessa è stata esclusa. Oggi ci alleneremo e vedremo come risponderà per prendere una decisione (sul suo impiego col Perù ndr). Questo staff medico si prende cura di lui, e lo farà sempre meglio, al di sopra della Selezione. Non lo rischieremo“. L’allenatore ha poi voluto difendere lo staff medico della Nazionale cilena e ha dichiarato: “Con tutto il rispetto per le istituzioni europee, vorrei che rispettassero i nostri medici. Se posso sentirmi orgoglioso di qualcosa, è dell’equipe medica di questa squadra nazionale: ha un livello alto. Avrebbero dovuto prendersi cura di lui quando ha giocato 45 minuti e poi 90 minuti (in realtà Sanchez giocò pochi minuti nel derby e un tempo col Gladbach prima di avere una ricaduta ndr).

Per tutte le altre news di calciomercato sui nerazzurri CLICCA QUI.

 

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato, Balotelli di nuovo all’Inter | Il Ds sgancia la bomba

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Inter, nuovo assalto a Lautaro | Cash e l’ex Juventus

Vorrei che se ne fossero occupati come abbiamo fatto noi qui. Dobbiamo rispettarci in maniera bidirezionale. Non siamo più nell’era coloniale, questo è quello che credono, dobbiamo essere chiari su questo”.