Ulivieri: “Sono convinto che la favorita per lo scudetto è l’Inter: è senza impegni di qualsiasi tipo”

0
989

Inter, il presidente dell’Associazione Italiana Allenatori Renzo Ulivieri si è detto convinto che la formazione di Antonio Conte è la favorita per la vittoria finale dello scudetto non avendo più impegni infrasettimanali rispetto alle sue dirette concorrenti

Renzo Ulivieri

INTER ULIVIERI INTERVISTA/ L’ex tecnico Renzo Ulivieri, è stato intervistato da Tuttosport per avere un parere sul campionato italiano e sulla lotta scudetto. Il prossimo week-end si disputeranno due sfide importanti come Juventus-Napoli e Inter-Lazio, che potrebbero chiudere definitivamente le possibilità di un rientro per la lotta scudetto alle due formazioni di Inzaghi e Gattuso, o rimetterle in corsa. Sulla situazione della lotta al campionato, il presidente dell’Associazione Italiana Allenatori ha le idee chiare e in merito ha spiegato: “L’altro giorno ero da Gasperini e mi diceva che il calendario impone situazioni un po’ al limite. Si gioca una partita in notturna, magari in trasferta, si rientra all’alba perdendo la notte di sonno, così il giorno dopo non ci si può allenare e quello dopo ancora è già la vigilia di una nuova partita. Ovvio che ogni tanto la squadra può essere svuotata, la continuità di rendimento è un problema se fai partita-defaticante-vigilia-partita, non c’è un solo giorno di allenamento vero. Infatti dopo la partita di martedì mi sono convinto che la favorita per lo scudetto è l’Inter: da adesso è senza impegni di qualsiasi tipo e può concentrarsi solo sul campionato, approfittando di settimane libere fra una gara e l’altra”.. Per tutte le altre news CLICCA QUI.

LEGGI ANCHE>>> Calciomercato, non solo Benitez | Un altro ex Inter potrebbe sostituire Gattuso

LEGGI ANCHE>>> Calciomercato Inter, post Conte | Perché l’arrivo di Simeone è impossibile

Vedendo però gli impegni che attendono le squadre italiane in Champions League, il rischio che a breve anche altre formazioni non avranno più impegni infrasettimanali, come la squadra di Antonio Conte, è molto alto e quindi questo vantaggio potrebbe  non esserci più. Discorso diverso per le nostre formazioni che giocano l’Europa League e che avrebbero tutte le carte in regola, come ha dimostrato l’Inter lo scorso anno, di poter andare molto avanti.