ESCLUSIVO | Post Handanovic: il ‘difetto’ di Cragno e l’apertura del Cagliari

0
15180

Inter alla ricerca di un erede di Samir Handanovic, anche se il portiere sloveno potrebbe essere il titolare della porta nerazzurra ancora per un’altra stagione

Inter
Samir Handanovic (Getty Images)

E’ da un po’ che l’Inter sta studiando la migliore ‘soluzione’ possibile per il dopo Handanovic, che comunque potrebbe restare il titolare della porta nerazzurra ancora per un’altra stagione, ovvero fino alla scadenza del suo contratto fissata nel giugno 2022. Inizialmente il ‘sogno’ era un big come ter Stegen, diventato presto inarrivabile visto il rinnovo del contratto con il Barcellona, in seguito ha preso forza la candidatura dell’argentino Juan Musso in forza all’Udinese. L’ex Racing è il preferito, ma la concorrenza è importante e negli ultimi tempi diverse fonti lo hanno dato diretto alla Roma. Ai nerazzurri vengono comunque accostati tanti altri nomi, tra questi Alessio Cragno.

LEGGI ANCHE >>> Interlive.it | Calciomercato, niente addio a zero: accordo in chiusura

Calciomercato Inter, Cragno per il dopo Handanovic: le ULTIME di INTERLIVE

Alessio Cragno (Getty Images)

Per tutte le altre news di calciomercato e non sui nerazzurri CLICCA QUI.

Il classe ’94 di Fiesole è seguito da tempo, tuttavia secondo le informazioni raccolte in esclusiva da Interlive.it, il suo profilo non convince appieno. Dal club di viale della Liberazione, forse anche dallo stesso Conte, non viene ritenuto sufficientemente alto. In effetti Cragno è un portiere che di certo non spicca per altezza: è 1,84 m, sette centimetri in meno di Musso – tanto per fare un paragone con un nome non a caso – e nove di Handanovic. Da parte del Cagliari, col quale i rapporti sono notoriamente eccellenti come dimostrano i recenti affari Barella, Godin e Nainggolan, c’è grande disponibilità a chiudere l’operazione.

LEGGI ANCHE >>> Inter, ESCLUSIVO ag.Kossounou: “E’ un difensore completo”. Poi ‘apre’ alla Serie A

Il presidente rossoblù Giulini è pronto a venire incontro all’Inter dando il via libera alla cessione del portiere con la formula del prestito oneroso a 6/7 milioni di euro più diritto di riscatto, per un totale di circa 25 milioni che è il prezzo fissato per il cartellino, un prezzo che di certo calerebbe di molto in caso di retrocessione. Come spiegato, però, l’Inter non è granché convinta di investire su Cragno per l’eredità di Handanovic.