Costa: “Mi auguro si prenda in considerazione di riaprire gli stadi almeno per l’ultima giornata”

0
98

Inter, il sottosegretario alla Salute Andrea Costa si augura che per l’ultima giornata del campionato di serie A si possano riaprire gli stadi e spiega chiaramente il motivo di questa sua proposta

Inter
Stadio San Siro (Getty Images)

INTER RIAPERTURA STADI/ Il sottosegretario alla Salute ed esponente di Noi con l’Italia, Andrea Costa ha voluto informare sulla sua proposta di riaprire gli stadi almeno per l’ultima giornata di campionato della nostra serie A. Queste le sue dichiarazioni riprese dall’Ansa: “Mi auguro che si prenda in considerazione di riaprire gli stadi almeno per l’ultima giornata del campionato di calcio di Serie A. Sono più facilmente controllabili alcune migliaia di persone all’interno di uno stadio che decine di migliaia di tifosi in una piazza pubblica o per le vie della città. L’esempio critico dei festeggiamenti in piazza a Milano per la vittoria dello scudetto dell’Inter ce lo dimostra. Non possiamo permetterci di fare passi falsi e rovinare quanto fatto fino ad ora per contenere la diffusione della pandemia“. Per tutte le altre news CLICCA QUI.

 

LEGGI ANCHE>>> Calciomercato Inter, taglio monte ingaggi | Doppia risoluzione contratto

Poi ha ulteriormente spiegato la situazione dichiarando: “Negli impianti sportivi i tifosi accederebbero tramite protocolli di sicurezza approvati dal Cts, sarebbero distribuiti in maniera ordinata e uniforme in tutto lo stadio, con il rispetto delle distanze di sicurezza, indosserebbero la mascherina. Ciò permetterebbe di tenere sotto controllo ingressi e uscite, avendo contezza del numero di spettatori, limitando al minimo contatti e dunque occasioni di contagio, che invece si moltiplicherebbero in spazi aperti difficilmente delimitabili come le piazze e dove è più facile che i tifosi si assembrino“. Infine ha concluso spiegando: “Gli stessi Prefetti sarebbero facilitati nel lavoro di controllo e gestione degli afflussi, perché opererebbero con programmazione e non in emergenza“.