A gennaio nuovo assalto a Thuram? Ecco la situazione

0
45

‘Mundo Deportivo’ affianca nuovamente all’Inter un giovane attaccante francese figlio d’arte, trattativa non facile da riprendere

Thuram jr in azione (Getty Images)

Si era già parlato la scorsa estate di Marcus Thuram all’Inter ma l’infortunio del gioiellino francese ha complicato non poco una trattativa già di base non semplice perché le volontà del calciatore di restare in Germania e del club di trattenerlo erano chiare e condivise, come spiega il direttore sportivo del Borussia Monchengladbach Max Eberl. Nelle ultime ore è trapelato nuovamente il nome di Thuram sulle pagine de ‘Mundo Deportivo’ in un possibile intreccio di mercato che non sembra favorire i nerazzurri neppure questa volta. La partenza di Alexis Sanchez libererebbe non solo spazio ma anche capitale extra da poter investire nell’ingaggio di una stella, ciononostante il club tedesco non ha intenzione di lasciar andare il suo attaccante tramite la formula del prestito con diritto di riscatto. Chiederebbe quasi sicuramente un compenso cash che l’Inter non sarebbe disposta a versare. Tantomeno converrebbe attendere la scadenza di contratto del calciatore fissata per giugno 2023. Piuttosto sarebbe consono l’assalto ad un low cost più facilmente raggiungibile.

LEGGI ANCHE >>> Correa nuovamente out: lavoro differenziato con l’Argentina e dubbio Lazio

LEGGI ANCHE >>> Addio de Vrij già a gennaio: doppia offerta clamorosa

Eberl confessa: “Non volevamo lasciar andare Thuram”

Thuram in azione contro l’Inter (Getty Images)

In un’intervista alla ‘Bild’, Max Eberl ha dichiarato apertamente di aver ricevuto una congrua offerta da parte della dirigenza nerazzurra nella scorsa sessione di mercato che è stata prontamente rifiutata poiché la cessione di Thuram non rientrava affatto nei loro piani. “Marcus non voleva andarsene, noi non volevamo lasciarlo andare. L’infortunio ha poi chiuso definitivamente le cose. A gennaio sarà sicuramente lo stesso”, spiega. All’Inter non resta che affacciarsi altrove, magari su Jovic o Lacazette che negli ultimi giorni hanno fatto parlare di sé.