Calciomercato, Conte lo vuole a gennaio: ‘sgarbo’ all’Inter

0
211

Nuova aggiunta alla lunga lista di pretendenti per il fantasista napoletano, l’Inter deve adesso guardarsi le spalle ed agire

C’era da aspettarsi che Lorenzo Insigne potesse fare essere l’obiettivo di diverse corazzate pronte a fare le proprie mosse, consce della precaria posizione in cui l’attaccante del Napoli si ritrova al momento.

Lorenzo Insigne esulta per una rete ©LaPresse

Ad oggi, infatti, non sembrano essere stati fatti passi avanti nella trattativa per il rinnovo del contratto di Insigne con il club partenopeo guidato da De Laurentiis, il quale non molto tempo fa aveva lasciato carta bianca al calciatore sul proprio futuro. Tra le ultime pretendenti aggiuntesi spicca il Tottenham dell’ex tecnico interista Conte le cui operazioni di mercato sono gestite da Paratici, un dirigente che conosce piuttosto bene il calcio italiano. Insigne è la seconda opzione dietro a Vlahovic, ma per entrambi le strade sono molto complicate da percorrere quantomeno nel corso della imminente sessione invernale di gennaio. Potremmo dunque assistere ad una battaglia senza esclusione di colpi per la prossima estate assieme ad Inter e Atletico Madrid. Ma nel contempo giungono clamorose notizie dal Nord America.

LEGGI ANCHE >>> Maxi-scambio col Barcellona, come si presenta de Jong

LEGGI ANCHE >>> Eriksen è a Milano: forse già in giornata l’addio all’Inter

Calciomercato Inter, bomba dalla MLS per Insigne: 20 milioni a stagione

Lorenzo Insigne in azione ©LaPresse

Nord America, vicino ed estremo oriente: queste sono le tre macroaree di destinazione per i grandi campioni sulla strada del tramonto, dove posso esprimere un calcio meno spumeggiante percependo ingaggi stellari. Potrebbe essere questo il caso anche per Lorenzo Insigne, qualora dovesse accogliere le avanches del Toronto, club militante nella MLS. Stando a quanto riportato da ‘calciomercato.it‘, al calciatore sarebbe stato offerto – attraverso un intermediario italiano – un ingaggio mostruoso da 20 milioni di dollari lordi all’anno (circa 11 milioni di euro netti) per i prossimi tre anni. Cifra irraggiungibile per buona parte dei club europei.