Cessione da 36 milioni di euro: l’ex è pronto a ‘beffare’ l’Inter

0
186

L’operazione rischia di sfumare viste le intenzioni del club che detiene la proprietà del cartellino. Le alternative che ha in mente l’Inter sono due 

Chiuso Onana, ma per luglio, l’Inter può rituffarsi sul calciomercato del presente. La priorità per questa sessione di gennaio è un vice Perisic, previa uscita (o ritiro) di Kolarov non del tutto certa.

Inzaghi © LaPresse

Inzaghi desidera una alternativa a Perisic perché ‘vede’ meglio Dimarco da centrale di sinistra che da tornante. Il prescelto sarebbe Digne, ex Roma in rottia con l’Everton e con lo stesso Rafa Benitez. Gli inglesi lo hanno già rimpiazzato prendendo Mykolenko dalla Dinamo Kiev, tuttavia continuano a chiedere quantomeno l’obbligo di riscatto. Sappiamo che i nerazzurri non possono andare oltre il prestito con diritto, ecco quindi che l’arrivo del francese rischia di saltare. Anche perché su di lui ci sono almeno quattro club della Premier.

LEGGI ANCHE >>> INTERLIVE | Ginter dopo Onana: doppia insidia per l’Inter

Calciomercato Inter
Lucas Digne (Getty Images)

Stando a ‘Sky Sports’ sul 28enne nativo di Meaux ci sono Newcastle, West Ham, Chelsea e un’altra società sempre della Premier la cui identità è ancora nascosta. Il mercato interno inglese viaggia, come noto, su cifre altissime, per cui non sarebbe una sorpresa se l’ex Benitez riuscisse a piazzare Digne al prezzo fissato che è di 36 milioni di euro.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato, l’Inter ha chiuso un “ottimo affare” | 22 milioni per l’erede

Calciomercato Inter, Kostic e non solo: due alternative a Digne

Filip Kostic ©LaPresse

Non a caso l’Inter valuta in maniera concreta delle alternative a Digne. I nomi sono quelli di Filip Kostic e Ramy Bensebaini, entrambi in scadenza a giugno 2023 rispettivamente con Eintracht e Borussia M’Gladbach. La strada per tutti e due sarebbe sempre quella di un prestito con diritto, formula però poco gradita alle società di appartenenza. Nelle ultime ore ha preso forza la candidatura dell’algerino, che però ha una valutazione di 20 milioni e in questo mese sarà impegnato in Coppa d’Africa. Tutti e due sono profili tenuti in considerazione anche se non soprattutto per l’eventuale post Perisic.