Zanetti: “Sono orgoglioso di essere stato capitano come di essere vicepresidente del club”

0
19

Inter, il vice presidente Javier Zanetti ha spiegato la sua situazione nella società e ha dato la sua opinione su allenatore e squadra

Javier Zanetti ©LaPresse

Il vice presidente dell’Inter Javier Zanetti, è stato intervistato sul canale youtube della Lega di serie A e ha dato la sua opinione sulla sua situazione di vice presidente dell’Inter e naturalmente, su allenatore e squadra. Queste le sue prime dichiarazioni: “L’Inter per me  è una famiglia, è parte di me. Sono arrivato qui 25 anni fa per iniziare un percorso e sono orgoglioso di essere stato capitano come sono orgoglioso ora di essere vicepresidente del club. Quando ho ricevuto la notizia sapevo che era una grande responsabilità. Sapevo anche di dover ampliare la mia visione, guardare tutto a 360 gradi per far funzionare le cose. Non conta solo quello che succede sul campo ma anche tutto quello che c’è intorno“.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato, l’Inter ha chiuso un “ottimo affare” | 22 milioni per l’erede

LEGGI ANCHE >>> INTERLIVE | Nandez non è (per ora) una priorità dell’Inter

LEGGI ANCHE >>> INTERLIVE | Ginter dopo Onana: doppia insidia per l’Inter

L’ex calciatore, ha poi dato un’opinione sull’andamento della stagione della squadra meneghina e ha detto: “La squadra esprime un gran calcio ed è merito del mister e dei ragazzi che lo seguono. La squadra si sente forte e ha un grande mentalità. Sanno di dover difendere quanto conquistato lo scorso anno. Tutti si sentono coinvolti e questo è importante per chi ha grandi obiettivi come noi. Il campionato è equilibrato, oltre noi ci sono altre squadre che vogliono vincere. Noi vogliamo difendere il titolo e lo stiamo dimostrando partita dopo partita. Milan, Napoli e Atalanta sono vicine e penso che sarà cosi fino alla fine“. Domani si giocherà, allo stadio Meazza di Milano, la partita con la Lazio e gli hanno chiesto un parere e lui ha spiegato: “Il campionato italiano è sempre stato difficile ed equilibrato, non ci sono partite facili e nulla è scontato“.