Onana dice addio, subito triplo colpo dell’Inter

United sempre più vicino alle richieste nerazzurre, intanto Marotta studia le mosse successive mediante l’utilizzo del compenso ricavato 

L’Inter non ha visto ombra di alcun offerta di rilievo nel corso dell’ultima settimana, salvo poi ritrovarsi davanti a quello che si era ipotizzato da diverse settimane. Ora il Manchester United ha iniziato la propria serie di assalti decisivi per convincere la dirigenza nerazzurra a cedere il cartellino di André Onana in questa sessione di mercato.

Via Onana allo United, l'Inter sonda tre colpi in entrata
André Onana, portiere dell’Inter sempre più vicino al Manchester United (LaPresse) – interlive.it

Lo ha fatto anzitutto con una primissima proposta al di sotto delle aspettative di Viale della Liberazione, ma gli stessi ‘Red Devils’ hanno ben capito che l’Inter non ha alcuna voglia di accontentarsi al primo scoglio. Motivo per cui già nelle prossime ore potrebbe arrivare un avvicinamento ulteriore alle richieste iniziali di Giuseppe Marotta, tra i 50 e i 55 milioni di euro. Una cifra già consona, per la quale non si esclude che all’unanimità i piani alti possano decidere di dichiararsi favorevoli alla cessione.

Così facendo l’Inter avrebbe anche il pallino portiere da risolvere, oltre ad una fitta rete di situazioni di mercato che lascerebbero comunque carta bianca su quanto denaro investire e soprattutto su chi farlo. Intanto è giunto in sede l’agente del giovane ucraino Trubin, ancora in pole come erede del camerunese.

Calciomercato, l’Inter fa bottino pieno senza Onana: tris di nomi caldi

L’operazione Onana in uscita finanzierebbe almeno tre colpi in entrata. Il primo, come noto, ricade addosso a Romelu Lukaku. Il centravanti belga brama di restare a Milano e anche il Chelsea ha tutto l’interesse a lasciarlo partire, specie se a titolo definitivo.

Via Onana allo United, l'Inter sonda tre colpi in entrata
Lazar Samadrzic, centrocampista dell’Udinese e opzione dell’Inter in entrata (LaPresse) – interlive.it

Un accordo sui 30 milioni potrebbe dunque essere facilmente raggiungibile facendo felici tutte le parti coinvolte. Quindi servirebbe almeno un altro difensore centrale da aggiungere a Yann Aurel Bisseck dopo che l’ipotesi Cesar Azpilicueta è sfumata del tutto: si pensa all’ex centrale bianconero Merih Demiral, il cui addio all’Atalanta è stato persino confermato dalla sua entourage.

In terza battuta, poi, l’Inter potrebbe fiondarsi su Lazar Samardzic che starebbe ormai stretto all’Udinese e avrebbe voglia di intraprendere un percorso più stimolante. Magari in nerazzurro, lasciando il Milan a bocca asciutta.

Aggiungere un altro centrocampista, però, potrebbe essere soltanto un extra che deve prima passare sulle valutazioni relative al nuovo esterno destro. Dopo la partenza di Raoul Bellanova, non riscattato dal Cagliari, Denzel Dumfries resta il solo corridore a tutta fascia di cui Simone Inzaghi può disporre tenendo conto che Matteo Darmian ha intrapreso la strada del braccetto destro aggiunto per via dell’assenza di Milan Skriniar nelle fasi finali del campionato.

Le due ipotesi più accreditate restano l’ivoriano Wilfried Singo e il buon Emil Holm, il cui rappresentante ha incontrato proprio di recente la dirigenza nerazzurra nella sede di Viale della Liberazione. Resta invece sullo fondo il talento Tajon Buchanan, prescelto più che altro per raccogliere l’eredità di Dumfries in caso di partenza.

Impostazioni privacy