Nuovo attaccante: l’Inter cala il poker e supera la Juventus

È una seconda punta rapida e tecnica che ben si integrerebbe sia con Lautaro che con Thuram, ma anche con Taremi in arrivo a costo zero

L’Inter vuole blindare Inzaghi e, per la prossima stagione, regalargli un rinforzo di spessore in attacco. Come scritto da Interlive.it a febbraio, un’alternativa più credibile di Sanchez e soprattutto Arnautovic, che la dirigenza proverà a cedere (non sarà semplice) nel calciomercato estivo.

Inter su Gudmundsson, quattro contropartite
Marotta, Ausilio e Antonello (LaPresse) – interlive.it

Uno dei nomi in agenda è quello di Albert Gudmundsson, tra le rivelazioni della Serie A di quest’anno. L’islandese è una seconda punta rapida e tecnica che ben si integrerebbe sia con Lautaro che con Thuram, ma anche con Taremi in arrivo a costo zero. I principali ostacoli all’operazione con il Genoa sono due: lo stesso club ligure, che valuta il cartellino non meno di 30/35 milioni di euro; la concorrenza italiana, rappresentata in primis dalla Juventus, e inglese con particolare attenzione al Tottenham (ovvero a Paratici…) al quale a gennaio fu ceduto Dragusin. Parentesi: il difensore rumeno è seguito dagli stessi agenti di Gudmundsson.

Da capire inoltre se il Genoa sia disposto o meno ad accettare un prestito con obbligo e, in particolare, l’inserimento di una se non due contropartite tecniche abbassando così la parte cash. In tal senso, oltre a Valentin Carboni sul quale però l’Inter punta a mantenere il controllo in stile Fabbian, si parla di Pio Esposito, Zanotti e Oristanio come potenziali pedine di scambio col fondo 777Partners proprietario del ‘Grifone’.

Inter, contatti frequenti con gli agenti di Gudmundsson. ‘Pericolo’ Juve e Tottenham

L’Inter ha contatti frequenti con i rappresentanti del classe ’97, autore di 13 gol e 4 assist, intermediari per conto della società di Zhang nell’affare Buchanan dello scorso gennaio.

Inter su Gudmundsson, quattro contropartite
Gudmundsson (LaPresse) – interlive.it

Ma chi segue il numero 11 della squadra di Gilardino vanta ottimi rapporti pure con Giuntoli, dunque con la Juve. Ecco perché per Marotta e Ausilio non sarà una passeggiata mettere le mani su Gudmundsson, che ripetiamo non essere l’unico nome sul taccuino dei dirigenti interisti. Che, intanto, hanno già rinforzato il reparto avanzato con l’ingaggio di Taremi. Dopo le visite mediche, che potrebbe aver già svolto in gran segreto dopo quelle previste a Milano poi annullate visto il clamore mediatico, il bomber iraniano firmerà il triennale (con opzione) da circa 3/3,5 milioni a stagione.

Impostazioni privacy