Lukaku: “Un sogno poter parlare con Adriano per la prima volta”

0
32

Inter, l’attaccante Romelu Lukaku ha avuto modo di parlare in video diretta su Instagram con il suo idolo da bambino Adriano. E ha voluto ringraziare Conte lo staff e i suoi compagni per averlo aiutato ad ambientarsi in Italia

calciomercato inter vertonghen
Conte e Lukaku (Getty Images)

INTER LUKAKU SU ADRIANO CONTE E JUVENTUS/  L’attaccante dell’Inter Romelu Lukaku durante una diretta Instagram, ha voluto nuovamente ribadire la sua scelta di vestire in nerazzurro. Queste le sue dichiarazioni: “Quando ho avuto l’opportunità di venire in Italia, ho sempre pensato all’Inter. Non ho pensato ad altre squadre: la prima finale che ho visto è stata quella della Coppa Uefa del ’98. C’era Ronaldo, poi Adriano: ho sempre pensato che se avessi avuto la possibilità di giocare in Italia, avrei voluto giocare solo all’Inter“. Il giocatore ha poi voluto dare delle spiegazioni, sul suo non facile ambientamento iniziale al calcio italiano e ha dichiarato: “La prima settimana è stata difficile, dovevo capire i movimenti dei calciatori: in Italia è tutto molto tattico”. Poi ha aggiunto: “Conte mi ha aiutato molto, lo stesso hanno fatto lo staff e i compagni e questo è importante. Per me era fondamentale andare in una squadra che potesse aiutarmi: all’Inter lo fanno tutti. Qui mi sento bene: Zhang fa grandi cose per noi”.

LEGGI ANCHE >>> Juventus-Inter rinviata, clamorosa decisione
LEGGI ANCHE >>> Marotta: ”Campionato falsato!”
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Dura replica all’Inter: ”State zitti, avete rifiutato di giocare di lunedì!”

L’attaccante nerazzurro, che era in diretta con il suo predecessore Adriano, ha voluto dare un parere sull’ex calciatore brasiliano e ha detto: “Per me è un sogno potergli parlare, è la prima volta. E’ il mio idolo da quando ero bambino: avevo 12 anni quando giocava nell’Inter e io guardavo sempre su Youtube cosa faceva: insieme avremmo fatto 70 gol. Come caratteristiche sono molto simile al brasiliano: lui faceva gol ma aiutava anche la squadra, spero di fare lo stesso con Lautaro succede la stessa cosa: pensa prima alla squadra proprio come me”.