Castellacci: “Perché la Figc non ci ha interpellato?”

0
20

Inter, l’ex medico della Figc si è detto scettico, per usare un eufemismo, sulla situazione riguardante la ripresa degli allenamenti. Il dottore non è convinto che tutti i club, specialmente di B e C possano seguire le linee guida indicate

Logo FIGC

INTER EX MEDICO FIGC DICHIARAZIONI/ L’ex medico della Figc Enrico Castellacci, ha voluto dare il suo parere sulla situazione riguardante la ripresa dell’attività sportiva per i club calcistici. Queste le sue dichiarazioni intervistato da Libero: “Perché non ci hanno interpellato? Non è per fare polemica, ma stupisce anche me. Non perché non ci sia Castellacci, ma perché manca l’associazione dei medici che poi saranno responsabili di tutto. Sono loro che conoscono le situazioni, che stanno sul campo. Gli altri colleghi scriveranno delle linee in teoria ineccepibili, ma noi ci domandiamo: potranno essere realizzate? E’ previsto un maxi ritiro per ogni squadra, serviranno centri sportivi con foresteria: fra giocatori e staff si arriva a 60/70 persone, serviranno altrettante camere; poi le docce differenziate, a meno di non farle in camera; obbligatori saranno gli ambienti sanificati prima e dopo l’allenamento, con personale verosimilmente esterno che dovrà occuparsene e anch’esso sottoposto ai controlli. Poi ci sono i test pre-ritiro, ci vorranno controlli a tappeto su tutti. Tamponi ogni 4 giorni, analisi supplementari a chi era risultato positivo e poi guarito per capire se il virus ha intaccato l’organismo e dare l’idoneità. E tutto ciò chi lo deve fare? Il medico  di squadra. Una situazione destinata a peggiorare se poi si scende di categoria: ho il timore che la serie C e gran parte della B non abbiano né le strutture né le risorse per sostenere due mesi di questo tipo. E i medici? In C sono part time, campano facendo il loro lavoro e per passione vanno con la squadra”.

LEGGI ANCHE >>> Juventus-Inter rinviata, clamorosa decisione
LEGGI ANCHE >>> Marotta: ”Campionato falsato!”
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Dura replica all’Inter: ”State zitti, avete rifiutato di giocare di lunedì!”

Inoltre il dottore è anche il presidente di Lamica, la Libera associazione medici italiani del calcio e anche per questo ha avuto questa opinione sicuramente scettica, su questa decisione.