Calciomercato Inter, assalto al preferito di Conte | Idea di scambio

0
25

Prosegue la caccia dell’Inter ad un vice-Lukaku da regalare a Conte. Torna di moda il nome di Giroud per il quale l’Inter potrebbe offrire uno scambio 

calciomercato inter vertonghen
Conte e Lukaku (Getty Images)

Caccia aperta al vice-Lukaku. Non è assolutamente un mistero che Antonio Conte desideri un nuovo centravanti di riserva da poter alternare al gigante belga. Sin dalla scorsa estate infatti il tecnico salentino avrebbe voluto alla sua corte un attaccante utile a far rifiatare il proprio numero 9 titolare e nei mesi scorsi non sono di certo mancati i profili accostati al club nerazzurro. Tra questi anche il francese Olivier Giroud del Chelsea, pronto a tornare in auge alla riapertura della prossima finestra di calciomercato. L’ex Montpellier era proprio il preferito di Conte prima del rinnovo fino al 2021 che aveva raffreddato le acque. Ciononostante l’Inter è pronta a tornare alla carica. Per tutte le altre news sul calciomercato dell’Inter CLICCA QUI.

LEGGI ANCHE >>> Colpo di scena: rispunta Giroud per l’attacco

Calciomercato Inter, caccia al vice-Lukaku: idea di scambio per Giroud

calciomercato inter giroud
Olivier Giroud (Getty Images)

Proprio ieri ‘L’Equipe’ ha rilanciato il nome di Giroud per l’Inter in virtù dell’arrivo al Chelsea di Timo Werner che chiuderebbe ogni spazio al centravanti campione del mondo che dal canto suo vorrebbe raccogliere un minutaggio discreto per non perdere il treno legato ai prossimi Europei.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Inter, proposta shock | Top player a parametro zero

calciomercato inter godin conte marotta darmian parma
Diego Godin (Getty Images)
Approfittando della situazione la società nerazzurra potrebbe offrire uno scambio con Diego Godin, nonostante le ultime dichiarazioni del centrale uruguaiano che ha smentito un suo addio all’Inter. L’alternativa da inserire nell’operazione potrebbe essere Asamoah anche se il Chelsea potrebbe richiedere solo un pagamento cash da 8/10 milioni, ritenuto eccessivo dalla dirigenza meneghina.