Troppa fretta nei giudizi | Quando l’esperienza fa la differenza

0
93

Il numero 1 dell’Inter Handanovic ha zittito le critiche piovute negli ultimi tempi con una prestazione robusta contro la Fiorentina

Samir Handanovic © Getty Images

Da diga impenetrabile in cemento armato a griglia di ferro traforata: una metafora rappresentativa della trasformazione subìta da Samir Handanovic, il portierone dell’Inter, nelle prime giornate di campionato. L’errore di Verona, la brutta lettura sul gol incassato a Genova, la prestazione non degna di nota contro il Real Madrid. Sembrava, infatti, che ogni pallone gli sfuggisse di vista in maniera ingenua, proprio come l’acqua che scorre attraverso le maglie traforate di una griglia. Sono seguite critiche pesanti, tanto che già si faceva il nome dell’erede che da gennaio potesse prendere il suo posto e fare meglio. Di queste critiche, però, sembra averne fatto tesoro. Ha incassato il colpo e lo ha rigettato indietro, con gli interessi. La sua ultima prestazione contro la Fiorentina è stata solida, imperiosa, decisiva in più di un’occasione con tutto che la difesa sia stata messa a dura prova. Attenta l’uscita su Gonzalez nei primi minuti di gioco, poi la deviazione su Vlahovic e sulla bordata di Biraghi. Su Sottil non ha potuto nulla, piuttosto ha continuato a sfornare parate di cui una ad alto coefficiente di difficoltà su Bonaventura. Insomma, Handanovic è resuscitato improvvisamente dal baratro in cui era finito.

LEGGI ANCHE >>> Due importanti assenze per Inzaghi | L’Inter funziona anche senza

L’Inter ritrova Handanovic, ora serve costanza

Calciomercato Inter
Samir Handanovic © Getty Images

La vittoria dell’Inter contro la Fiorentina non è soltanto merito del centrocampo – con Barella e Brozovic soliti protagonisti – che raccorda col reparto offensivo – vedi un Dzeko ispirato – ma anche grazie ai baluardi difensivi che hanno limitato in tutti i modi le insidie viola. Merito dunque anche ad Handanovic per aver ritrovato sé stesso nella partita più importante. Ora è chiamato a proseguire sulla stessa lunghezza d’onda anche per i prossimi impegni di campionato e di coppa europea.