Sempre Lukaku: “Dispiaciuto per Conte ma fiducioso di Inzaghi, se tornassi in Italia…”

0
31

L’attaccante belga in seconda battuta sul rapporto con l’ex tecnico dell’Inter, Antonio Conte, e Simone Inzaghi. Poi rinnega Milan e Juventus

Dopo essersi scusato apertamente con i tifosi nerazzurri per aver lasciato l’Inter proprio sul più bello con modalità poco ortodosse, al termine di una stagione fenomenale culminata con la vittoria dello scudetto, Romelu Lukaku continua la sua intervista a ‘Sky Sport’ facendo il punto della situazione sui rapporti con Antonio Conte e Simone Inzaghi.

Lukaku e Conte insieme all’Inter lo scorso anno ©Getty Images

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Inter, è arrivato il sì di Insigne: i dettagli

LEGGI ANCHE >>> Ora Lukaku dà la colpa all’Inter: “No al rinnovo e sono andato via”

“Non sono stati né i soldi né l’addio di Conte il movente per cui me ne sono andato, l’ho già spiegato. Mi sono però dispiaciuto che anche il mister abbia lasciato, ero a Dubai quando l’ho saputo. Ci sono rimasto male. Sapevo però che con Inzaghi l’Inter avrebbe continuato a macinare successi, è un grande allenatore e con lui la squadra gira bene. Continuo a seguirla con grande piacere.” spiega Lukaku. Poi annuncia: “Semmai dovessi tornare in Italia non giocherei mai per Milan o Juventus. I bianconeri hanno provato a prendermi in passato ma quando ho saputo che Conte avrebbe allenato l’Inter non ci ho pensato su due volte. C’è sempre stata solo e soltanto l’Inter, anche se ho dovuto aspettare diverso tempo prima che arrivasse l’offerta giusta”.

“Lautaro perfetto per il mio gioco, un augurio di cuore a Chris”, conclude Lukaku

Inter
Romelu Lukaku (Getty Images)

Lukaku spende infine due parole sull’ex compagno di reparto, Lautaro Martinez: “Dal primo giorno ho capito che potevamo fare grandi cose, un giorno torneremo a giocare insieme” e Christian Eriksen: “Quel che ha vissuto è stato un momento terribile per sé, la famiglia e noi tutti. Spero che possa riprendere una vita normale, gli auguro ogni bene. È un brav’uomo”.